Firenze Camping in Town: la Piscina a Firenze

Buongiornissimo! 🙂

Ieri il consorte aveva il giorno libero e, dopo ore di quesiti su come potessimo impiegarlo, visti i tantissimi posti che ci siamo prefissati di vedere quest’estate, abbiamo optato per la nuova piscina del campeggio di Rovezzano, ora del gruppo Human Company, che poi tanto nuova non è (ha aperto l’anno scorso).

In fatto di piscine a Firenze, ho frequentato per anni le piscine comunali, ma ora che ho un bambino, cerco posti meno affollati e dove ci siano tutti i comfort per noi, che già ci stressiamo a stare dietro a lui, e per lui, che a stressarsi ci mette pochissimo. 🙂

E devo dire che Firenze Camping in Town si è rivelata la scelta migliore, per la vivibilità e gli efficienti servizi, in ultimo anche per far superare alla peste la paura dell’acqua.

Siamo a Firenze Sud, che più sud non potrebbe essere, di fronte all’ingresso del parco di Villa Favard, lato Lungarno Generale Dalla Chiesa (dopo l’Otel tanto per capirci).

Si accede dal parcheggio del ristorante Fabbrica di Pedavena, della cui inaugurazione ti avevo parlato l’anno scorso, parte integrante del campeggio.

Si paga al punto informazioni: per 2 adulti e un bambino abbiamo speso 28 euro.

Puoi parcheggiare al costo di 3 euro all’interno del campeggio, o all’esterno, di fronte al ristorante.

Noi siamo arrivati alle 09:00, orario di apertura delle piscine.

piscina adulti.jpgLe due piscine si trovano sulla sinistra dell’infopoint. Ce n’è una per gli adulti sulla sinistra e una più grande sulla destra, con acqua bassa e fondo morbido, con cascate di acqua sui lati e una specie di igloo, dove grandi e piccini si divertono a salire e usare come scivolo. Direi che è l’ideale per bambini anche molto piccoli.

persone.jpgIntorno alle piscine ci sono numerosi ombrelloni con sdraio e tavolini, di cui puoi usufruire gratuitamente. Ovviamente chi prima arriva prima alloggia.

Non è obbligatorio l’uso di cuffie ed è possibile giocare nell’acqua.

Dopo un timido approccio alla riva della piscina, la peste si è ritrovata con l’acqua fino alla buzza e con la voglia di rimanerci tutto il giorno.

Calcola che ci siamo stati in un giorno feriale, quando l’afflusso di persone risulta senz’altro più ridotto, magari nel weekend c’è la ressa. Noi siamo stati benissimo!

area giochi.jpgA pranzo abbiamo perlustrato il market, dove puoi fare la spesa o comprare piatti pronti da riscaldare nel fornetto, messo a disposizione di tutti. Vicino trovi anche una graziosa area giochi e uno spazio per barbecue e pic nic.

Disponibile vicino alla piscina bassa uno snack bar con qualche piatto freddo (insalata di riso o pasta fredda) e qualche panino, caffetteria e gelati.

ristorante.jpgNoi abbiamo optato per il ristorante Fabbrica di Pedavena, subito all’uscita del campeggio e aperto anch’esso a tutti.

interno.jpgMi ha stupito la bellezza del locale, un’enorme birreria open space, con poltroncine di pelle marrone e interni in legno, 2 biliardi di fronte al bancone, birra artigianale Dolomiti acquistabile, cucina a vista. A disposizione libri e qualche gioco, tra cui i Lego. Applausi!

buffet.jpgA pranzo è previsto un buffet al costo di soli 10 euro, ricco di verdure per comporre l’insalata, affettati, schiacciatine e tranci di pizza, primi caldi e freddi, un secondo, frutta e dolci. La schiacciatina con cotto e formaggio, così come la pizza sono deliziosi!

Anche qui la situazione è tranquilla e rilassata e non c’è alcuna ressa al buffet.

Di sera so che puoi mangiare la pizza napoletana cotta nel forno a legna, gli hamburger, carne alla griglia e verdure biologiche a km zero. Voglio tornare a provarlo a cena.

Cosa dire: complimenti ai gestori e al personale per i servizi e l’ottima accoglienza.

Firenze Camping in Town
Viale Generale Dalla Chiesa 1/3
Firenze
Tel. 0554698300 
The following two tabs change content below.

madtasting

Per gli amici sono Mad. Di origini lucane, sono stata adottata dalla città di Firenze per gli studi universitari, dove ho poi messo su famiglia. Laureata in Scienze della Comunicazione, con specializzazione in Teorie della comunicazione e tecniche dei linguaggi persuasivi conseguita presso l'Università di Siena, ho scritto per alcuni portali web nazionali di locali ed eventi e ho pubblicato nel 2014 il mio primo romanzo intitolato "0,80. Diario di una portatrice sana di Gewürztraminer", con il quale ho dato una forma alla passione per la scrittura. Amo uscire a provare e vivere tutto ciò che di buono offrono la città e i suoi dintorni anche in compagnia del mio bambino.