Idea per una colazione o merenda autunnale: Dolci Pensieri a Firenze

Ciao amici!

Come procede questa settimana lavorativa?

Stasera è una delle classiche sere autunnali, un po’ uggiose e malinconiche, allora ti propongo una dolce coccola in un posticino che ti stupirà e dove vorrai tornare più e più volte: Pasticceria Dolci Pensieri, al Ponte alle Riffe (zona Cure).

Ci sono stata sabato scorso a colazione, su suggerimento degli amici instagramers Couple in Florence e ho scoperto una pasticceria deliziosa, con paste per la colazione, ma anche muffins, torte e salati da mangiare anche con gli occhi, preparati con prodotti a filiera corta.

Il locale è piccolino e non ha niente a che fare con gli ambienti delle pasticcerie: assomiglia più ad un piccolo laboratorio d’altri tempi, in cui si intravede la cucina e tutte le torte sono esposte in bella mostra. Ho quasi avuto l’impressione di trovarmi nel film Chocolat! 🙂

MUFFIN.jpgIo ho scelto un muffin al caffè, ma giuro che avrei assaggiato tutto! 😛

Il lato positivo sono i pezzi contenuti, rispetto ad altre pasticcerie fiorentine con una proposta simile.

Lo consiglio per una colazione diversa, per una merenda speciale,  ma anche per acquistare una bella torta.

Dal mercoledì al sabato è aperto fino a mezzanotte.

Il giovedì dalle 19,30 è previsto l’aperitivo vegano.

A disposizione dei clienti anche giochi da tavolo di vario tipo e libri.

Io voglio tornarci, almeno fino a quando non avrò provato tutto quello che fanno! 🙂

Pasticceria Dolci Pensieri
Via Ponte alle Riffe, 26/R
Firenze
Tel. 0550672 829
The following two tabs change content below.

madtasting

Per gli amici sono Mad. Di origini lucane, sono stata adottata dalla città di Firenze per gli studi universitari, dove ho poi messo su famiglia. Laureata in Scienze della Comunicazione, con specializzazione in Teorie della comunicazione e tecniche dei linguaggi persuasivi conseguita presso l'Università di Siena, ho scritto per alcuni portali web nazionali di locali ed eventi e ho pubblicato nel 2014 il mio primo romanzo intitolato "0,80. Diario di una portatrice sana di Gewürztraminer", con il quale ho dato una forma alla passione per la scrittura. Amo uscire a provare e vivere tutto ciò che di buono offrono la città e i suoi dintorni anche in compagnia del mio bambino.