Il gusto dell’essenzialità: il Caffè Italiano

Ma buonasera! 🙂

Come ti ho annunciato nell’articolo su Berberè e la Masterclass con Matteo Aloe, negli ultimi giorni, complice il raffreddore mio e della peste, mi sono cimentata con la pasta madre nella preparazione della pizza, anche se il risultato non è stato proprio entusiasmante e il barattolo in frigo mi guarda come a chiedermi di essere donato a chi può farne un uso migliore.

Ma, se nella preparazione della pizza non sono buona, sono bravissima come assaggiatrice! 🙂

Così sono tornata a Caffè Italiano, dietro il Teatro Verdi, in zona Santa Croce, a Firenze.

Il locale è arredato in modo classico e dominato dal legno, cosa che lo rende caldo e accogliente.

Erano presenti 3 bambini, ma sono stati ben accolti e noi accontentati nelle nostre richieste.

Il menu è essenziale, come piace a me.

4 tipi di pizza, di cui Margherita, Napoli, Marinara e una Speciale, sempre diversa ogni mese, che però non era disponibile quella sera, qualche antipasto e primo piatto classico e 3 tipi di Hamburger di Chianina.

Io ho ordinato un classico: la Margherita, la prova del 9 in ogni pizzeria per capire se una pizza è buona o meno.

L’ho trovata ben lievitata e condita, digeribile e gustosa.

Da bere gli altri hanno ordinato la birra artigianale Dolomiti, mentre io un bicchiere di rosato molto buono (ho fatto bis!), di cui non ricordo il nome (invecchio male!).

dolce.jpgPer concludere abbiamo ordinato il dolce, io una Cheesecake, servito con una colata di cioccolato fuso direttamente da un pentolino di rame. Superslurp!

Il servizio è efficiente, attento e con un’anima.

Insomma, il Caffè Italiano si riconferma uno di quei posti a Firenze dove si sta proprio bene, sia in termini di ambiente che di cibo.

Da tornare e ri-tornare.

Caffè Italiano
Via Isola delle Stinche, 11R-13R
Firenze
Tel. 055289080
The following two tabs change content below.

madtasting

Per gli amici sono Mad. Di origini lucane, sono stata adottata dalla città di Firenze per gli studi universitari, dove ho poi messo su famiglia. Laureata in Scienze della Comunicazione, con specializzazione in Teorie della comunicazione e tecniche dei linguaggi persuasivi conseguita presso l'Università di Siena, ho scritto per alcuni portali web nazionali di locali ed eventi e ho pubblicato nel 2014 il mio primo romanzo intitolato "0,80. Diario di una portatrice sana di Gewürztraminer", con il quale ho dato una forma alla passione per la scrittura. Amo uscire a provare e vivere tutto ciò che di buono offrono la città e i suoi dintorni anche in compagnia del mio bambino.