Giro di tapas, drink e musica dal vivo al Wood Music Garden

Prima di partire nuovamente per il mare, ti lascio una dritta per una serata in città che ti farà sentire in vacanza: al Wood Music Garden.

IMG-20180605-WA0006.jpgSi tratta di uno di uno dei più recenti spazi estivi su Lungarno Colombo, dove puoi bere un drink e quest’anno anche cenare con i piatti di La Cova, tapas bar in Sdrucciolo de’ Pitti, di cui ti ho parlato con entusiasmo qualche tempo fa.

IMG-20180605-WA0005.jpgCi sono stata martedì, giorno della settimana in cui è senz’altro possibile trovare un tavolo senza prenotare.

Abbiamo bevuto un Moscow Mule (tanto per cambiare!), che a dirla tutta non mi ha entusiasmato, ma poi ci siamo fermati a cena con alcuni amici, ordinando un po’ di tapas.

Noi abbiamo ordinato le Patatas bravas, servite con un paio di salse, Croquetas de jamon, Jamon Serrano, tagliato al coltello, e un Camembert caliente, servito simpaticamente su uno stecco, come fosse un gelato, e accompagnato da una salsa, mi pare ai frutti di bosco. Insieme alle tapas ci è stato servito anche del pan y tomate.

IMG_20180607_141212.jpgMartedì suonava la band No Thanks, quartetto basato sull’improvvisazione estemporanea tra funk, jazz e musica elettronica, che mi ha divertito persino le piccole pesti.

La spesa a persona si è aggirata intorno ai 20 euro a testa, ma ho notato che dalle 18 alle 21 è possibile acquistare anche un picnic box, al costo di 7 euro, che comprende 4 tapas.

Disponibile anche la connessione Wi-Fi.

Foto di copertina di Sam (un fotografo d’eccezione!). 🙂

The following two tabs change content below.

madtasting

Per gli amici sono Mad. Di origini lucane, sono stata adottata dalla città di Firenze per gli studi universitari, dove ho poi messo su famiglia. Laureata in Scienze della Comunicazione, con specializzazione in Teorie della comunicazione e tecniche dei linguaggi persuasivi conseguita presso l'Università di Siena, ho scritto per alcuni portali web nazionali di locali ed eventi e ho pubblicato nel 2014 il mio primo romanzo intitolato "0,80. Diario di una portatrice sana di Gewürztraminer", con il quale ho dato una forma alla passione per la scrittura. Amo uscire a provare e vivere tutto ciò che di buono offrono la città e i suoi dintorni anche in compagnia del mio bambino.