Ristoranti fuori porta: l’Osteria del Teatro di Cortona

Buon lunedì!

Sabato pomeriggio sono andata al Valdichiana Outlet Village, per sbirciare tra gli abiti per le cerimonie e abbiamo deciso di andare a cena a Cortona, all’Osteria del Teatro.

Ci ero già stata qualche anno fa, in occasione di un weekend in un Relais che mi era stato regalato e i miei ricordi non sono stati affatto smentiti.

Non avevamo prenotato, per cui ci è stato detto che alle 21:30 avremmo dovuto liberare il tavolo perché avevano un’altra prenotazione a quell’ora, ma, nonostante ciò, non ci è stata messa in alcun modo fretta.

Appena arrivati mi hanno fatto trovare un seggiolone e un gioco per la peste, che, insieme al piatto di farfalle al ragù fatte in casa servito più veloce della luce, mi ha permesso di cenare tranquillamente mentre lui giocava.

L’accoglienza è strepitosa: il signore e la signora che ci hanno servito sono stati sempre attenti, cordiali e sorridenti, nonostante il ristorante fosse pieno.

antipasto.jpgfunghi.jpgDa mangiare ho diviso un Antipasto dell’Osteria, composto non dai soliti affettati e formaggi, ma da uno sformatino di verdure delizioso, un fiore di zucca ripieno di ricotta e un pezzo di tacchino ripieno, e un’insalata di porcini extra menu con scaglie di Parmigiano;  a seguire, ho ordinato degli Gnocchi ripieni di acciugata con sfilato di Chianina, straordinariamente equilibrati.

primo.jpgDa bere abbiamo scelto un Carpineto Brut Rosè.

Che dire: tutto perfetto, persino il conto, pari a circa 35 euro a testa.

Una nota sull’ambiente: il ristorante nasce all’interno di un palazzo del ‘500 ed è diviso in 3 sale che corrispondono a quella che fu la sala da pranzo, la sala da te e la cucina. Dalle foto appese ovunque, si evince che moltissimi personaggi del teatro e del mondo dello spettacolo siano passati da lì.

Osteria del Teatro
via Maffei
Cortona (AR)
Tel. 0575630556
(Foto di copertina di Osteria del Teatro)
The following two tabs change content below.

madtasting

Per gli amici sono Mad. Di origini lucane, sono stata adottata dalla città di Firenze per gli studi universitari, dove ho poi messo su famiglia. Laureata in Scienze della Comunicazione, con specializzazione in Teorie della comunicazione e tecniche dei linguaggi persuasivi conseguita presso l'Università di Siena, ho scritto per alcuni portali web nazionali di locali ed eventi e ho pubblicato nel 2014 il mio primo romanzo intitolato "0,80. Diario di una portatrice sana di Gewürztraminer", con il quale ho dato una forma alla passione per la scrittura. Amo uscire a provare e vivere tutto ciò che di buono offrono la città e i suoi dintorni anche in compagnia del mio bambino.