Icchethai: non una domanda, ma un’idea per una cena etnica a Firenze

L’altra sera pioveva, avevo voglia di andare a mangiare fuori, magari ad un ristorante etnico, ma fare veloce, in modo da portare il bimbo a letto presto, così abbiamo improvvisato una cena da Icchethai, su Lungarno Cellini.

Il format è quello del fusion street food, dove puoi ordinare alla cassa piatti take away o mangiare in loco, segnando la comanda sul block notes sul tavolo, seduto ai pochi tavoli all’interno o, quando il tempo lo permette, sui tavoli all’esterno, in piatti ecologici di carta. Puoi anche ordinare a domicilio con Deliveroo.

Ci hanno accolti due ragazzi che ci hanno fatto accomodare su un tavolo alto sulla sinistra rispetto all’ingresso e hanno fatto un sacco di feste alla piccola peste.

IMG_20171125_203613Abbiamo ordinato degli Spaghetti di soia con verdure e tofu caramellato per lui, mentre per me ho scelto Involtini vegetariani artigianali con salsa agrodolce e Pad Thai, con verdure, gamberi, lime, uova, arachidi e semi di soia, con una Singha thai lager.

Erano anche disponibili alcuni piatti del giorno, prevalentemente piatti di carne a base di maiale, pollo e manzo, cucinati in modi diversi, come ad esempio Maiale in agrodolce o al curry rosso, Pollo al ginger.

Mio figlio ha mangiato di gusto gli Spaghetti di soia, incuriosito anche dall’uso delle bacchette, mentre mio marito ha apprezzato tantissimo il Riso saltato della tradizione thai con pollo, gamberi, verdure e chili di basiico. Lo stesso io con i miei piatti, seppure non sia riuscita a terminare il Pad Thai, tanto era abbondante la porzione.

Quando ero incinta ho anche ordinato il take away e mi sono trovata sempre benissimo.

Non ricordo esattamente la cifra spesa, ma si aggirava intorno a 30 euro.

Insomma, se cerchi un etnico dove si mangia bene e velocemente e si spende il giusto, Icchethai è la risposta.

Icchethai
Lungarno Cellini, 25/C
Firenze
Tel. 3925600050
The following two tabs change content below.

madtasting

Per gli amici sono Mad. Di origini lucane, sono stata adottata dalla città di Firenze per gli studi universitari, dove ho poi messo su famiglia. Laureata in Scienze della Comunicazione, con specializzazione in Teorie della comunicazione e tecniche dei linguaggi persuasivi conseguita presso l'Università di Siena, ho scritto per alcuni portali web nazionali di locali ed eventi e ho pubblicato nel 2014 il mio primo romanzo intitolato "0,80. Diario di una portatrice sana di Gewürztraminer", con il quale ho dato una forma alla passione per la scrittura. Amo uscire a provare e vivere tutto ciò che di buono offrono la città e i suoi dintorni anche in compagnia del mio bambino.