Giovedì all’insegna delle bollicine alla Tenuta di Artimino

Ti ho già parlato di Tenuta di Artimino in occasione di Cantine Aperte 2017, evento in occasione del quale ho partecipato ad un bellissimo aperitivo all’esterno della Villa La Ferdinanda a base di vini della Tenuta, con un piacevole sottofondo musicale.

Si tratta di una villa Medicea sui colli e i vigneti del Montalbano costruita a fine ‘500 per volere del Granduca Ferdinando I De’ Medici, su disegno di Buontalenti, come residenza di caccia, chiamata anche Villa dei Cento Camini, per i tanti camini che sporgono dalla sommità del tetto, dovuti al fatto che lo stesso Ferdinando I soffriva di gotta e aveva bisogno di molto calore.

Attualmente la villa si presta come location per matrimoni, shooting fotografici ed eventi privati.

IMG_20170528_181451.jpgEbbene giovedì 6 luglio, dalle 20:30, è prevista una degustazione di bollicine di 25 tra le più importanti aziende vinicole, accompagnata anche questa volta da un ricco buffet sul giardino del Belvedere, musica dal vivo a cura di Gaudats Junk Band e dalla spettacolare performance live dei Cafelulè Danza Contemporanea Verticale sulle pareti della Villa e seguita da dj set fino a tarda notte.

Il costo è di 45 euro, per i bambini da 4 a 10 anni 25 euro.

Se vuoi un tavolo nel privè, a questo costo devi aggiungere 100 euro con bottiglia inclusa, un po’ tantino se si pensa ad un aperitivo, ma l’evento e la location sono davvero esclusivi.

Se pensi come me che i soldi investiti in vini, ristoranti e viaggi non siano mai sprecati, è l’evento che fa per te.

Ultimissimi biglietti disponibili sul sito Faberest.

Tenuta di Artimino
via Papa Giovanni XXIII
Artimino
Tel. 055 8751426/7/9
The following two tabs change content below.

madtasting

Per gli amici sono Mad. Di origini lucane, sono stata adottata dalla città di Firenze per gli studi universitari, dove ho poi messo su famiglia. Laureata in Scienze della Comunicazione, con specializzazione in Teorie della comunicazione e tecniche dei linguaggi persuasivi conseguita presso l'Università di Siena, ho scritto per alcuni portali web nazionali di locali ed eventi e ho pubblicato nel 2014 il mio primo romanzo intitolato "0,80. Diario di una portatrice sana di Gewürztraminer", con il quale ho dato una forma alla passione per la scrittura. Amo uscire a provare e vivere tutto ciò che di buono offrono la città e i suoi dintorni anche in compagnia del mio bambino.